• “Infinito Leopardi”, presentate le prime due pubblicazioni

    22 Febbraio, 2019
  • Due i cataloghi nati dalle sezioni in mostra a Villa Colloredo Mels: “Leopardi, L’Infinito e i manoscritti vissani” a cura di Laura Melosi e “Mario Giacomelli. Giacomo Leopardi, L’Infinito, A Silvia” di Alessandro Giampaoli e Marco Andreani. A Villa Colloredo Mels inaugura la nuova sezione permanente dedicata al patrimonio leopardiano.


    Più di una mostra, ma un evento lungo un anno per celebrare il bicentenario dalla stesura de L’infinito di Giacomo Leopardi. “Infinito Leopardi” presenta le sue due prime pubblicazioni collegate alle mostre attualmente in programma: “Leopardi, L’Infinito e i manoscritti vissani” a cura di Laura Melosi e “Mario Giacomelli. Giacomo Leopardi, L’Infinito, A Silvia” a cura di Alessandro Giampaoli e Marco Andreani. Alla presentazione dell’evento hanno partecipato Francesco Fiordomo, sindaco del Comune di Recanati, Rita Soccio, assessore alle Culture e Turismo di Recanati, Laura Capozucca della Regione Marche, Giuseppe Balboni Acqua, presidente del Comitato per le celebrazioni del bicentenario, Fabio Corvatta, presidente Centro nazionale studi leopardiani, Patrizia Serfaustini, assessore al Turismo del Comune di Visso, Gianluca Bellucci, presidente di Sistema Museo, i curatori delle mostre Laura Melosi, Lorenzo Abbate, Alessandro Giampaoli, Marco Andreani.

    LEOPARDI E L’INFINITO

    La pubblicazione, a cura di Laura Melosi, ricostruisce la storia dei manoscritti in mostra a Recanati, ripercorrendo il loro arrivo a Visso, dove sono custoditi. Un catalogo scientifico che riproduce l’intera collezione di manoscritti di proprietà del Comune di Visso, difficilmente accessibili per la consultazione, con schede dettagliate di approfondimento filologico e critico sui documenti, studi che hanno portato a nuovi accertamenti. Infatti, il contributo più ampio finora dedicato ai manoscritti di Visso risale al 1923 (Carlo Bandini, Contributi leopardiani, Nicola Zanichelli Bologna) che, in diversi casi, è stato riveduto e corretto in questa occasione. Si tratta di un importante contributo di carattere scientifico che trova un posto autorevole nella leopardistica attuale e che riproduce l’intera collezione di manoscritti di proprietà del Comune di Visso, difficilmente accessibili per la consultazione, con schede dettagliate di approfondimento filologico e critico sui documenti, studi che hanno portato a nuovi accertamenti.

    Ammirare L’Infinito due secoli dopo la sua stesura è un’emozione intensa: una rara occasione per valorizzare anche l’intera collezione dei manoscritti leopardiani di proprietà del Comune di Visso, offrendone un’aggiornata ed esaustiva rilettura. È questo un catalogo che muove dall’interpretazione de LInfinito attraverso le voci più autorevoli della leopardistica, con la miriade di approcci al testo che si sono susseguiti nel lungo arco di tempo che ci separa dalla composizione di questa poesia.

    QUANDO LA FOTOGRAFIA SI LASCIA ISPIRARE DALLA POESIA

    Mario Giacomelli ha elevato la fotografia a quella nobiltà appartenente al segno che, riprendendo le parole di Roland Barthes, le ha permesso di “accedere alla dignità di una lingua”. Nel catalogo relativo alla mostra “Mario Giacomelli. Giacomo Leopardi, L’Infinito, A Silvia” indaga quegli anni Sessanta in cui Giacomelli elabora, su sceneggiatura di Luigi Crocenzi, la trasposizione fotografica della lirica di Giacomo Leopardi A Silvia. Di questo primo seme, da cui nasceranno negli anni Ottanta le note serie leopardiane del fotografo marchigiano – L’Infinito A Silvia, nella sua versione definitiva – fino ad oggi si erano perse le tracce. Riscoprirne lo sviluppo non solo ci riporta ad uno snodo cruciale nella storia della fotografia italiana, ma ci mostra anche la straordinaria evoluzione stilistica ed espressiva di Mario Giacomelli ed il suo stretto rapporto con la poesia.

    A Villa Colloredo Mels, infatti, sono esposte “A Silvia”, il celebre foto-racconto ispirato all’omonima lirica di Leopardi, nella sua versione originale del ’64, di cui fino ad oggi si erano perse le tracce, e in quella del 1988. Nella serie de “L’Infinito”, attraverso il meticoloso montaggio di immagini legate tra loro e ai versi della lirica leopardiana secondo un complesso sistema di libere associazioni e richiami metaforici, Giacomelli ci restituisce in termini visivi il rapporto tra finito e Infinito, realtà e immaginazione caro al poeta di Recanati.

    LA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO LEOPARDIANO

    Al percorso della mostra “Infinito Leopardi”a Villa Colloredo Mels è collegata l’esposizione straordinaria didocumenti, manoscritti e cimeli del poeta, unici e significativi, la cui selezione e cura scientifica è affidata alla professoressa Laura Melosi e al dottor Lorenzo Abbate della cattedra leopardiana dell’Università degli studi di Macerata. Una vera e propriariscoperta del patrimonio leopardianoche,dopo anni, torna a disposizione di tutta la cittadinanza, dei turisti e degli studiosi.

    I materiali esposti oggi a Villa Colloredo Mels sono l’avvio di un progetto iniziato nel dicembre 2017 e che prevedeva l’allestimento di sale dedicate alla collezione del Comune di Recanati composta da tre nuclei di diverso e specifico valore. Nella rinnovata sezione del museo civico dedicata al patrimonio leopardiano troviamo, ad esempio, le carte donate nel 1881 dall’editore Le Monnier di Firenze, quelle relative alla pubblicazione della prima edizione dello Zibaldone e una commovente lettera spedita da Firenze da Giacomo al padre e opere artistiche, in particolare la galleria di ritratti familiari.

    Nel dettaglio, a Villa Colloredo Mels, i visitatori troveranno documenti, manoscritti e cimeli appartenuti al poeta recanatese:

    • Maschera funeraria di Giacomo Leopardi – Realizzata alla morte del poeta, il 14 giugno 1837, su incarico di Antonio Ranieri.
    • Poesie”– Roma – Tipografia Elzeviriana, 1882 – Edizione di lusso delle Poesie, curata e prefata da Ruggero Bonghi, in tiratura limitata e copie numerate.
    • Al più caro degli amici – 1825, manoscritto autografo.
    • Foglio di album Ottocentesco – Manoscritto cartaceo.
    • Lettera ad Anton Fortunato Stella – Recanati, 1818, manoscritto autografo.
    • Lettera Monaldo Leopardi – Firenze, 7 luglio 1833, manoscritto autografo.
    • Lettera – Recanati, 16 febbraio 1819, manoscritto autografo.
    • Ritratto di Giacomo Leopardi – Scatola – Miniatura a tempera su avorio
    • Lettera al Comune di Recanati – Manoscritto autografo – La lettera doveva accompagnare l’invio dello Zibaldone pubblicato per la prima volta da Carducci tra il 1898 e il 1900.
    • Zibaldone dei pensieri– Saggio |Roma |Tipografia del Ministero degli Affari Esteri, 16 dicembre 1897 – Edizione scelta di brani dello Zibaldone, in sole venti copie, pubblicata come anticipazione del testo completo.
    • Miniatura raffigurante Giacomo Leopardi
    • Saggio sopra gli errori popolari degli antichi”– 1815, manoscritto parzialmente autografo.
    • Lettera ad Anton Fortunato Stella – Recanati, 30 settembre 1817 – Manoscritto parzialmente autografo.
    • Ritratto di Paolina Leopardi
    • Bozze delle Opere 1845 (Primier cahier) – Canti – Testo a stampa con correzioni e inserti manoscritti di Antonio Ranieri
    • Bozze delle Opere 1845 (Second cahier) – Operette morali – Testo a stampa con correzioni e inserti manoscritti di Antonio Ranieri
    • Comparazione delle sentenze di Brutominore, PensieriMartirio dei Santi Padri – Testo a stampa con correzioni e inserti manoscritti di Antonio Ranieri
    • Bozze delle Opere 1845 (Quatrième et dernier cahier) – Volgarizzamenti – Manoscritto autografo di Antonio Ranieri
    • Ritratto di Pier Francesco Leopardi
    • Ritratto di Adelaide Antici Leopardi
    • Ritratto di Giacomo Leopardi
    • Giacomo Leopardi sul letto di morte

    www.infinitorecanati.it

    • Condividi