• In 700 hanno partecipato agli eventi che si sono svolti nei 4 musei civici della città.
    Assessore Soccio “Ancora una volta i numeri ci danno ragione”.
     Il Museo di Villa Colloredo Mels, Museo Beniamino Gigli, Museo dell’Emigrazione e la Torre del Borgo visitate da centinaia di persone. 


    La cultura a Recanati ha fatto il tutto esaurito. Grande soddisfazione per La Notte dei Musei, uno straordinario evento tra arte, poesia e musica organizzato da Sistema Museo, società che gestisce i musei civici della città leopardiana, in collaborazione con il Comune di RecanatiSpazio CulturaWhatsArt,Villa Incanto, la Civica scuola di Musica Beniamino Gigli e l’Associazione Riviera del Conero. La splendida cittadina leopardiana sabato 19 maggio si è riempita di turisti e residenti che hanno approfittato del bel tempo e dell’occasione per visitare il centro storico e fare tappe nei 4 musei civici di Recanati aperti in orario notturno.

    Soddisfazione dagli organizzatori, dai partners e dall’Amministrazione comunale. “Non nascondo la grande gioia e soddisfazione nel vedere i nostri Musei Civici presi d’assalto dai tanti recanatesi e turisti per la serata dedicata alla notte dei musei – commenta Rita Soccio, assessore alle Politiche Culturali di Recanati – . Ancora una volta i numeri ci danno ragione su come Recanati sia ormai riconosciuta da tutti Città della Cultura. Un ringraziamento a tutti coloro che credono e si impegnano come noi nello sviluppare le potenzialità culturali ed economiche di questa nostra “favolsa” città“.

    Quattro le location che, fino alle 1, hanno accolto  curiosi e gli amanti dell’arte in attività nel nome del bello e della cultura: il Museo di Villa Colloredo Mels, il Museo Beniamino Gigli, la Torre del Borgo ed il museo dell’Emigrazione marchigiana con appuntamenti musicali, spettacoli teatrali e visite guidate. I visitatori, come spiegano dall’Ufficio iat Tipico.Tips, provengono da tutte le Marche. Oltre ai recanatesi, che hanno risposto con entusiasmo all’evento notturno, i visitatori provenivano da tutte le Marche e non solo. In centinaia nei giorni scorsi hanno preso d’assalto il centralino di accoglienza turistica della città per prenotare e richiedere informazioni sulla serata.

    • Condividi