• Scuola, al via le attività didattiche nei musei civici di Recanati

  • Le proposte della Società Sistema Museo per l’anno scolastico 2017 – 2018 rivolte agli studenti di ogni ordine e grado e differenziate per età.

    Laboratori di manipolazione e sperimentazioni dei materiali, visite interattive e animate, passeggiate in città alla scoperta dei luoghi di Leopardi.

    Laboratori, visite interattive e curiose passeggiate alla scoperte delle bellezze di Recanati. E’ dedicato ai bambini e ai ragazzi il ricco programma di attività didattiche per l’anno scolastico 2017 – 2018, proposto dalla Società Sistema Museo, che mette in gioco progetti per costruire esperienze di apprendimento attivo e offrire ai giovani studenti un’esperienza stimolante e partecipata. La nuova proposta didattica, presentata nei giorni scorsi dall’assessore alla Cultura del Comune di Recanati Rita Soccio ai docenti delle scuole, nasce dalla convinzione che l’incontro con l’esposizione museale sia un’importante opportunità di stimolo intellettuale e sensoriale per il giovane visitatore. Otto le proposte indirizzate agli studenti di ogni ordine e grado, differenziate per età, dove protagonisti assoluti sono i bambini e i ragazzi che si immergeranno nell’arte tra laboratori di manipolazione e sperimentazione, visite interattive e animate, caccia al tesoro e passeggiate nel centro storico cittadino. Inoltre, ispirati alla mostra di Miró, visitabile a Villa Colloredo Mels fino al 5 novembre, sono stati ideati due laboratori didattici e una visita interattiva per stimolare la creatività di bambini e ragazzi e far loro esplorare in modo speciale l’opera grafica dell’artista.

    LE ATTIVITÀ’ DIDATTICHE

    Il Gatto di Lotto e altri amici di arte è una visita interattiva dove i giovanissimi della scuola d’infanzia e primaria muoveranno i primi passi nell’arte attraversando i corridoi di Villa Colloredo Mels. Tra esercizi di mimi e associazioni, giocheranno alla scoperta dei dell’Annunciazione di Lorenzo Lotto e del curioso gatto raffigurato nel dipinto.

    E se i quadri potessero prendere vita? Nella visita interattiva Dentro l’opera di Lorenzo Lotto, gli alunni della scuola primaria e secondaria di I grado si “immergeranno” dentro i quadri del Lotto per comprenderli dal punto di vista storico – artistico e iconografico. Come andrà a finire?

    Inizia, invece, da un’antica foto in bianco e nero il racconto dell’avventura di una ragazza del 1923 partita per un lungo viaggio. Dalla sua valigia salteranno fuori storie di vita legate all’emigrazione, ieri come oggi fenomeno presente nella nostra società. E’ questo il percorso multimediale al Museo dell’emigrazione marchigiana “La valigia dei racconti” rivolto alla scuola primaria e secondaria di I grado.

    Sono svaniti i versi di alcune poesie di Leopardi. Muniti di smartphone o di tablet, durante la visita interattiva “Caccia al verso smarrito” per gli studenti della secondaria di I e II grado, risolveremo prove ed enigmi, percorrendo i luoghi citati nei versi leopardiani, ritrovando le parole scomparse.

    Prendendo in prestito tecniche dell’arte contemporanea, “I Giovani Favolosi “ delle secondarie di I e II grado, sperimenteranno l’uso delle parole e di materiali non convenzionali per raccontare se stessi. Un laboratorio per allenarsi con esercizi dadaisti e con materiali diversi per un risultato speciale e sospeso tra arte e poesia.

    E’ dedicato ai piccoli poeti in erba della scuola dell’infanzia e primaria il laboratorio “La poesia dei 5 sensi” a Villa Colloredo Mels. Parola da disegnare, materiali da toccare e una poesia da comporre. Dalla lettura di alcuni passi de Il Sabato del villaggio di Leopardi immagineremo emozioni, colori e sensazioni da tradurre in un grande libro tattile.

    Dopo una visita ad alcune opere di Villa Colloredo Mels scopriremo come venivano realizzate le grandi opere d’arte del passato. Tra gessi e pigmenti gli studenti della scuola primaria di II e secondaria di I grado, durante il laboratorio “La bottega dei pittori” scopriranno i trucchi delle antiche botteghe di pittura, alla scoperta di una tecnica artistica dimenticata, la tempera.

    Per coloro che invece desiderano trascorrere una giornata intera con noi, c’è la proposta “Una città in poesia: Leopardi e Recanati” per conoscere il poeta marchigiano e la sua città e sperimentare la magica forza dell’arte e della poesia. L’attività didattica prevede la visita dei luoghi che hanno fatto da sfondo alla giovinezza di Leopardi (dal Colle dell’Infinito alla piazza del Sabato del Villaggio, dalla torre del Passero Solitario fino alla piazza centrale dominata dalla Torre del Borgo) e si conclude a Villa Colloredo Mels dove gli studenti giocheranno con l’arte e i suoi diversi linguaggi per comprendere come l’espressione di noi stessi può prendere forme inaspettate attraverso le parole, le immagini e il loro uso creativo. Due le tipologie di laboratori da scegliere: la poesia dei 5 sensi (scuola primaria) e i giovani favolosi (scuola secondaria di I e II grado).

    Tre le attività didattiche ispirate alla mostra di Miró. Per i più piccoli c’è il laboratorio “Miró: trame e te”: come si fa a fare arte con così pochi colori? Ridendo e scherzando, i bambini viaggeranno attraverso la teoria dei colori dove primari, secondari e complementari si mescolano a volontà. Con il laboratorio “Miró: dada stampa” bambini e ragazzi si cimenteranno nel “moltiplicare” le lucertole di Mirò e ancor più le sue stelle. Nella visita interattiva “Miró: dalla parola al segno”, infine, muteranno il linguaggio in immagini lavorando sulla trasformazione di alcune parole chiave dalla loro calligrafia ad un’opera d’arte surrealista.

    Per ulteriori dettagli sulla proposta didattica per l’anno 2017 – 2018, visitare il sito www.infinitorecanati.it e cliccare nella sezione “Didattica”.

    • Condividi